Ciceri e tria

La ricetta di Carmen di Sannicola (Lecce)

Lavate i ceci e lasciateli in acqua con un poco di sale e bicarbonato dalla sera prima. Al momento dell’uso, scolateli e versateli in una casseruola. Copriteli con dell’acqua e fateli cuocere fino a quando non si formerà una schiumetta. Togliete la schiumetta e aggiungete un po’ di sedano, l’alloro, 4 pomodori e un po’ di  cipolla. Lasciate cuocere a fuoco basso per circa un’ora o fino a quando i ceci non saranno cotti. Poi scolateli e filtrate il brodo.

(Tradizionalmente la cottura dei ceci si effettuava nel camino in una “pignata” di terra cotta.)

La tria viene preparata lavorando la farina di semola con acqua tiepida precedentemente salata, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Stendete una sfoglia, ripiegatela su se stessa e tagliatela a strisce per realizzare le tagliatelle. Friggete alcune di queste tagliatelle in olio di oliva extravergine, le altre lessatele in abbondante acqua bollente e salata.

In una pentola soffriggete un po’ di olio e la restante cipolla, versate i ceci cotti ed aggiungete sia le tagliatelle lessate che quelle fritte, versate un po’ di brodo di cottura dei ceci, mescolate il tutto, cospargete con pepe macinato al momento e servite il tutto molto caldo.