Gnocco fritto ripieno di formaggio salva cremasco con le tighe

La ricetta di Elisa Anna di Montodine (Cremona)

Preparate il formaggio salva con le tighe. Tagliate a cubetti piccoli il formaggio, pulite i peperoncini dal picciolo e dai semi, tagliateli a listerelle sottili. Metteteli in una scodella e conditeli con olio, sale, pepe macinato fresco, mescolate bene e lasciate il tutto a macerare in frigo almeno 3 ore, meglio se una giornata intera.

Preparate quindi lo gnocco fritto.

Setacciate la farina in una terrina ed unitevi il sale, mescolando accuratamente affinché i due ingredienti si miscelino il meglio possibile. E’ importante fare in modo che non si formino agglomerati di sale, perché sarebbero in grado di far lievitare male l’impasto.

In un pentolino versate il latte e l’acqua minerale, aggiungete il mezzo cucchiaino di zucchero e fate appena intiepidire su fiamma bassa, quindi scioglieteci il lievito.

Unite la miscela alla farina, assieme allo strutto. Impastate fino ad amalgamare gli ingredienti, quindi portate il composto su una spianatoia. Lavoratelo di polso fintanto che si forma un impasto morbido ed elastico. Formate una palla, incidetela a croce, copritela con della pellicola e fatela lievitare per due ore in un luogo ben riparato.

Trascorse le 2 ore riprendete l’impasto e stendetelo con il matterello su una spianatoia leggermente infarinata, fatene una sfoglia di 4/5 mm di spessore, tagliatela a losanghe. Man mano ponete le losanghe in un vassoio o piano leggermente infarinato, in attesa che l’olio sia pronto. In una casseruola profonda mettete l’olio e ponetela sul fornello a fiamma vivace finché  si scaldi bene, quando è ben caldo e comincia a fumare tuffateci un po’ per volta le losanghe di pasta. Quando lo gnocco sarà ben gonfio e dorato, scolatelo e adagiatelo su un piatto ricoperto di carta da cucina.

Servite ben caldo, farcendolo con il tipico formaggio cremasco Salva con le tighe, oppure con altri formaggi e salumi vari.