Susamielli napoletani e Roccocò

La ricetta di Rosa di Santa Maria a Vico (Caserta)

Pestate grossolanamente le mandorle. Versate la farina in una ciotola capiente. Formate al centro un cratere e versatevi lo zucchero, il pisto quanto basta, il pepe macinato, la scorza grattugiata dei limoni, l’ammoniaca, il sale e le mandorle. Scaldate il miele e aggiungete anche questo all’impasto. Se dovesse servire impastate aggiungendo un poco di acqua. Formate un panetto e fate riposare per qualche ora in un luogo fresco o in frigo. Ungetevi le mani con dell’olio o del burro e modellate pezzetti di impasto a forma di S di circa 1-2 cm di spessore. Ponetele a debita distanza su una teglia foderata di carta forno, decorateli con  mandorle intere o granella di mandorle. Cuoceteli per 20 minuti a 180 gr circa.

 

Lavate bene i mandarini e sbucciateli.

Tagliuzzate le bucce e spremete i mandarini nello schiacciapatate mettendo da parte il succo. Pestate grossolanamente nocciole e/o mandorle mettendole in un canovaccio e battendole con un peso.

Versate la farina in una ciotola capiente. Formate al centro un cratere e versatevi lo zucchero, le nocciole, le bucce di mandarini, il pisto, l’ammoniaca e il sale. Aggiungete il succo di mandarini un po’ per volta e cominciate ad impastare pian piano amalgamando il tutto. Se dovesse servire aggiungete dell’acqua all’impasto.

Realizzate dei rotoli di pasta per formare delle ciambelle di 8-10 cm di diametro con spessore variabile di 1-2 cm circa. Foderate una teglia da forno con carta forno.

Adagiate le ciambelle nella teglia mantenendo tra loro una distanza di circa 3-4 cm. (entrano 9 -10 roccocò in una teglia 40×35 cm). Spennellate ogni roccocò con uovo battuto. Preriscaldate il forno a 180°. Cuocete per 20 minuti circa. Il profumo gradevolissimo che si spargerà per la casa ci farà apprezzare questa tradizionale ricetta tipicamente napoletana.